IX ed. del “Premio San Bernardino per la pubblicità socialmente responsabile”

Il 3 dicembre, a Roma





Dal valore in pubblicità ad una pubblicità di valore” e “I linguaggi della pubblicità sociale”, le due sessioni del workshop del  “Premio San Bernardino per la pubblicità socialmente responsabile” 2012, patrocinato da Pubblicità Progresso e SuperAbile Inail, con il contributo di Enel, che giunge alla sua nona edizione.

Può uno spot pubblicitario promuovere la visibilità di un prodotto e al contempo veicolare un messaggio sociale positivo?
A questa domanda il “Premio San Bernardino per la pubblicità socialmente responsabile” risponde positivamente dal 2003, anno in cui l’ormai tradizionale selezione di spot e campagne pubblicitarie “etiche” ha preso vita a Massa Marittima, da un’idea del vescovo di Massa-Carrara-Pontremoli, monsignor Giovanni Santucci, e la cui
cerimonia di assegnazione si sposta per la prima volta a Roma. Lunedì 3 dicembre, a partire dalle ore 9.30, nell’Aula 211 della LUISS (Viale Romania 32), docenti universitari, giornalisti ed esperti di comunicazione e relazioni esterne assegneranno il “Premio San Bernardino” 2012 allo spot più efficace nella “social responsibility”, realizzato e andato in onda su tv e web, tra la fine del 2011 e l’anno in corso.

Dopo l’accoglienza del direttore generale della LUISS, Pier Luigi Celli, e l’introduzione di Michele Sorice, docente di Comunicazione politica nella stessa università, interverranno: Alberto Contri, presidente di Pubblicità Progresso; Paolo Iammatteo, responsabile Comunicazione e CSR, Relazioni esterne Enel; il giornalista, Luca Collodi, direttore di rete di Radio vaticana 105 FM; Maurizio Marotta, presidente del consorzio COIN che gestisce il Contact Center di Inail-Superabile; Luca Pandolfi, antropologo, sociologo, direttore del Centro Comunicazioni Sociali della Pontificia Università Urbaniana .
Il profilo semiotico, degli spot presentati in aula, verrà analizzato da Paolo Peverini, professore di Semiotica dei media alla LUISS.
Presiede l’evento Emiliana De Blasio, coordinatrice scientifica del Centre for Media and Communication Studies della LUISS.


29 Novembre 2012